CAPIRE IL TESTAMENTO BIOLOGICO: QUANDO COME E PERCHE’

28 marzo 2015

La ricerca scientifica ha consentito lo sviluppo di sempre più sofisticate cure mediche che convegno DAT (3)contribuiscono a prolungare le aspettative di vita. Paradossalmente si è però sviluppato nel comune sentire l’auspicio di “morire in fretta” e comunque non trovarsi indissolubilmente legati ad una macchina.
Parlare di questi temi in sede pubblica è un atto di responsabilità civile a cui il Lions Club di Cittadella ed in particolare il suo Presidente dottor Gilberto D’Amato non si è voluto sottrarre organizzando, il 28 marzo 2015 presso i locali di Villa Rina a Cittadella, il convegno dal titolo: “Capire il testamento biologico: quando come e perché”. Il Presidente ha presentato i relatori illustri, il dr. Enrico Furlan – filosofo, il dr. Franco Maria Zambotto – pneumologo, il dr. Nereo Zamperetti – anestesista, il dr. Antonio De Poli – Senatore e nostro socio, la d.ssa Laura Bortolamei – avvocato e nostra socia, ad una platea di oltre 200 persone, in maggioranza studenti del quarto e quinto anno degli istituti superiori di Cittadella.
E’ stato un dibattito in cui i relatori hanno cercato d’individuare le basi di un linguaggio condiviso pur fondando le loro analisi nel contesto di diversi ambiti professionali. Il dr. Furlan ha evidenziato l’importanza di questi dibattiti per portare ad una riflessione sui temi delle disposizioni anticipate di trattamento ed ha portato l’esempio dei “Living Wills” diffusissimi in America dove ormai 1/4 della popolazione ne dispone. Il dr. Zambotto ha illustrato un caso clinico portando così il tema trattato ad un livello pragmatico, alla stregua di un fatto locale che potrebbe (o forse lo è addirittura stato) appartenere al vissuto di molti dei convenuti al convegno. E’ emerso evidente, nell’interazione che ne è seguita, il dubbio su cui continuare a discutere: “come posso (io futuro paziente) disporre del mio fine vita e come debbo (io medico) pormi di fronte ad una persona che mi chiede di lasciarlo morire? Il dr. Zamperetti ha illustrato le riflessioni bioetiche sul tema, in particolare quelle svolte presso i comitati etici per la pratica clinica e l’indicazione al medico di tener sempre conto del consenso o del dissenso informato dato dal paziente alle terapie attuabili nel caso concreto. Il Senatore De Poli ha illustrato le varie iniziative di legge giacenti in Parlamento soffermandosi particolarmente sul disegno di Legge cd. Calabrò. L’avv. Bortolamei ha sottolineato l’importanza del linguaggio del medico che deve essere trasparente e comprensibile al paziente. Ha sottolineato l’assenza nel nostro Ordinamento giuridico (salvo alcuni casi specifici) della previsione normativa di un “dovere di curare” che imporrebbe al medico di rispettare il diritto del paziente di esprimere il proprio consenso ad un dato trattamento.
Valorizzare questa capacità di autodeterminarsi come rispetto dell’individuale concezione di dignità e di qualità della vita, di orientamento religioso, di principi filosofici ed etici, di convinzione culturale. Questo è ciò che i relatori Bortolamei, Zamperetti, Furlan e Zambotto hanno chiaramente dimostrato di voler mettere al primo posto, e ciò in contrasto con il principio di intangibilità della vita ed impossibilità di dare dissenso a nutrizione ed idratazione artificiale come invece prevede il disegno di Legge attualmente in discussione
Il convegno non voleva giungere a conclusioni ma continuare a fornire elementi di riflessione. Sicuramente quel singing del gospel citato dal dr. Zamperetti “jellow river” può aiutare a discutere non dimenticando che la persona merita il coraggio del rispetto della dignità che le appartiene e delle scelte cha hanno caratterizzato l’intera sua vita.
lb/pc

One thought on “CAPIRE IL TESTAMENTO BIOLOGICO: QUANDO COME E PERCHE’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...